SUPSI L'università dell'esperienza

Introduzione

L’edizione di maggio di NF presenta sette contributi, variegati sia tematicamente che geograficamente. Per i contributi di diritto svizzero, Raphaël Gani dedica un ampio e interessante approfondimento al ricupero d’imposta nelle relazioni intercantonali, seguito da un contributo di Diana De Luca Ferrari che esamina l’avamprogetto per consentire il riscatto delle lacune nel pilastro 3a, evidenziandone caratteristiche e (non poche) criticità. In seguito,

Riccardo Lancia affronta il nuovo istituto europeo della “scissione mediante scorporo”, segnatamente gli aspetti civilistici e fiscali della sua implementazione in Italia. Quando un telelavoratore residente in Italia può costituire una stabile organizzatore per il suo datore di lavoro svizzero? A questa domanda, di sicura attualità, risponde l’articolo di Francesca Palma. Segue un approfondimento di Sebastiano Garufi Giuliani e Niccolò Figundio sull’istituto dello “split year” previsto dalla CDI italo-svizzera, tenendo conto anche delle rilevanti normative di diritto interno dei due Stati coinvolti. Samuele Vorpe, per la sezione dedicata alla rassegna di giurisprudenza di diritto tributario svizzero, torna sul ricupero d’imposta intercantonale, presentando una recente sentenza del Tribunale federale. Infine, Luca Guidotti annota una sentenza della Corte di Cassazione italiana in merito all’interpretazione della CDI Italia-Francia, che difetta di una norma in merito.

Buona lettura!

Matthias Bizzarro


Nº5
maggio 2024

Abbonamenti

A partire dal 1° gennaio 2024, la rivista Novità fiscali sarà fruibile unicamente a pagamento e sarà proposta anche in modalità cartacea, stampata e rilegata da una società tipografica.

L'ultimo numero gratuito della rivista Novità fiscali sarà disponibile fino al 31 dicembre 2023. Dopo questa data, per continuare a ricevere la rivista (in formato digitale e/o cartaceo) e poter accedere a tutti i contenuti è necessario sottoscrivere un piano di abbonamento.

Per coloro che desiderano accedere liberamente alle passate pubblicazioni e singoli articoli, sussiste la possibilità di sottoscrivere l’abbonamento sin da subito.



Ultime news

Rassegna di giurisprudenza di diritto tributario svizzero

Diritto tributario svizzero

Diritto tributario italiano

I costi processuali relativi a procedimenti penali sono deducibili quali costi commercialmente giustificati solo se vi è un nesso fra l’attività lucrativa e il procedimento penale. È legittima la decisione dell’autorità di tassazione di riprendere, nel calcolo dell’utile di una persona giuridica, un accantonamento per costi legali, che si riferisce ad un procedimento penale promosso nei confronti dei soci ed amministratori della società. A parte il fatto che i costi legali sono stati in gran parte coperti da un’assicurazione, imputati nel procedimento erano i soci e non la società stessa, che si era addirittura costituita accusatrice privata. Per la stessa ragione, si giustifica anche la ripresa, a titolo di distribuzione dissimulata di utile, delle spese legali, che la società si è assunta in relazione al procedimento penale nei confronti di un socio.

Non si giustifica infine un ulteriore accantonamento, intrapreso nell’esercizio 2013, “per danni ambientali”, dal momento che un importante accantonamento per lo stesso scopo era già stato costituito, e mai sciolto, nel 2001. La società non ha dimostrato di doversi assumere costi futuri in misura eccedente il precedente accantonamento.

(Sentenza CDT n. 80.2018.273/274 del 10 luglio 2023)

Nel calcolo dell’utile, conseguito con la vendita di una partecipazione in una società immobiliare, rientrante nella sostanza commerciale del venditore, si deve tener conto del fatto che il contribuente è divenuto commerciante di immobili a titolo professionale in un momento successivo a quello della costituzione della società.

(Sentenza CDT n. 80.2023.43/44 del 14 agosto 2023)

Non hanno diritto alla deduzione per persona bisognosa a carico i genitori di una ragazza maggiorenne, che nel periodo fiscale litigioso ha svolto solo attività lucrative temporanee e che ha successivamente inoltrato una domanda di rendita di invalidità, ancora pendente.

(Sentenza CDT n. 80.2023.63/64 del 14 agosto 2023)

In futuro, chiunque decida di inverdire tetto e facciate di casa potrebbe dedurre fiscalmente simili interventi. È quanto prevede una mozione di Greta Gysin (Verdi/TI) adottata oggi, in forma modificata, anche dal Consiglio degli Stati. Tenuto conto dei cambiamenti apportati, il Consiglio nazionale dovrà riesaminare l’atto parlamentare.

L’argomentazione della società, secondo cui ai fini dell’IVA la messa a disposizione di una casa di vacanza a persone strettamente vincolate costituisce un’attività non imprenditoriale non è sostenibile. Per quanto riguarda la valutazione effettuato dall’AFC, il TAF ha considerato quanto segue: quando l’AFC afferma che, in deroga alla sua prassi pubblicata, in caso di locazione esclusiva non è sufficiente tassare il valore locativo annuo valido per l’imposta federale diretta con un supplemento del 25% poiché questo importo non corrisponde al valore locativo di mercato, essa non riesce a convincere. È, infatti, generalmente noto che le locazioni a lungo termine sono nettamente più vantaggiose rispetto a quelle a breve termine. L’AFC non è, quindi, stata in grado di dimostrare per quale motivo in questo singolo caso essa si discosti dalla sua prassi codificata al par. 7.1.2 dell’Info IVA 17 che – come altre ordinanze amministrative – dovrebbe garantire una pratica uniforme, coerente e corretta dell’applicazione della legge e che è in linea di principio vincolante per l’AFC, a meno che essa non presenti chiaramente un contenuto incostituzionale o illegale, il che non è qui il caso.

(sentenza TAF n. A-6860_2023del 17 aprile 2024)

È giustificata la diffida ad adempiere gli obblighi di procedura, notificata dall’autorità di tassazione ad un contribuente, residente in un altro Cantone, che è divenuto proprietario di un immobile, in seguito al decesso della madre.

(Sentenza CDT n. 80.2023.75 del 14 agosto 2023)

Nella seduta del 7 giugno 2024, il Consiglio federale ha deciso di avviare la consultazione riguardante la legge federale sullo scambio automatico internazionale di informazioni relative a dati salariali. In questo modo istituisce la base legale necessaria ad attuare lo scambio di informazioni concordato negli Accordi con la Francia e con l’Italia. La consultazione durerà fino al 27 settembre 2024.

Un contribuente residente in Russia è stato assoggettato all’imposta in Svizzera quale proprietario di un immobile nel Canton Ticino. Nel calcolo delle imposte sulla sostanza e sul reddito, la base imponibile è costituita solo dal valore di stima ufficiale e dal valore locativo dell’immobile. È legittima la decisione dell’autorità di tassazione, che ha definito la sostanza e il reddito determinanti per l’aliquota considerando degli importi stimati, non avendo il contribuente prodotto copia della tassazione russa.

(Sentenza CDT n. 80.2022.296 del 18 luglio 2023)

A partire dal 2025 l’inoltro del rendiconto IVA sarà possibile unicamente per via elettronica. Le imprese che inoltrano il rendiconto IVA utilizzando il modulo cartaceo potranno ancora procedere in questo modo al massimo solo fino alla fine del 2024.

Non ha diritto all’assistenza giudiziaria un contribuente che, dopo una condanna penale, ha trasferito il domicilio all’estero, pur continuando ad esercitare un’attività lucrativa indipendente in Svizzera. L’istante non ha infatti comprovato la propria indigenza.

(Sentenza CDT n. 80.2023.167 del 14 agosto 2023)

Se le agevolazioni di pagamento ai sensi dell’art. 90 cpv. 1 LIVA, che secondo la sua formulazione prevede unicamente la possibilità di pagamenti rateali per quanto riguarda l’imposta, gli interessi e le spese, siano applicabili anche all’imposta provvisoria, può essere lasciato aperto. Nel presente caso, in effetti, le condizioni per la concessione di un pagamento rateale non erano chiaramente soddisfatte. Nella sua richiesta di rateizzazione, il contribuente non ha dimostrato come il pagamento dell’imposta provvisoria sarebbe stato per lui di una “notevole durezza”. Anche se tale difficoltà fosse esistita, ciò non avrebbe giustificato la mancata presentazione sia del rendiconto IVA relativo al 1° semestre del 2022 sia di quelli di vari periodi precedenti. Nonostante i molteplici richiami ed i termini già scaduti, il contribuente non ha dimostrato una sufficiente volontà di voler pagare. L’autorità inferiore ha quindi giustamente ritenuto che le condizioni per il pagamento rateale non fossero soddisfatte.

(sentenza TAF n. A-5807/2023 del 26 aprile 2024)

Il decreto attuativo della “Delega al Governo per la revisione del sistema tributario” ha inserito nello Statuto del contribuente l’art. 10-sexies (“Documenti di prassi”), con il quale vengono disciplinati gli strumenti a disposizione dell’Amministrazione finanziaria per supportare il contribuente nella conoscenza delle norme tributarie. Il D.Lgs. n. 219/2023, in vigore dal 18 gennaio 2024, in attuazione dell’art. 4 della delega – con il quale sono fissati i principi e i criteri direttivi per la revisione dello Statuto dei diritti del contribuente – oltre a circoscrivere il perimetro dell’azione amministrativa, ha introdotto nel testo dello Statuto una serie di disposizioni che aggiornano la disciplina dell’interpello e degli istituti connessi.

La società A ha effettuato una prestazione valutabile in denaro in favore della società B assumendo dei costi salariali in modo ingiustificato. In assenza di un trasferimento dell’imposta preventiva, l’ammontare della prestazione è stato giustamente riportato al 100%. Non esiste alcun diritto all’autorizzazione retroattiva della procedura di notifica per i crediti fiscali già pagati incondizionatamente.

(sentenza TAF n. A-2782/2022 del 30 aprile 2024)

Il 3 giugno 2024, l’AFC ha pubblicato l’opuscolo in formato tascabile “Statistica fiscale 2023 – In breve” che presenta le cifre dei diversi tipi di imposta della Confederazione, le elaborazioni statistiche relative alle persone fisiche e giuridiche e l’onere fiscale in Svizzera.

Il contribuente è stato condannato per una sottrazione consumata d’imposta. La sua affermazione secondo cui sarebbero stati violati alcuni principi del Codice di procedura penale (CPP) non è pertinente dato che la procedura penale per sottrazione di imposte cantonali non sottostà al CPP. Se l’autorità fiscale accusa il contribuente di aver rilasciato intenzionalmente una falsa dichiarazione ed afferma che ciò ha comportato una decurtazione di imposte, l’infrazione è descritta in termini sufficientemente concreti e il principio accusatorio previsto dalla Costituzione nella procedura penale in materia fiscale è soddisfatto.

(sentenza TF n. 9C_636/2023 del 25 aprile 2024)

Il 6 giugno 2024 la consigliera federale Karin Keller-Sutter e il ministro dell’economia e delle finanze italiano Giancarlo Giorgetti hanno firmato un Protocollo di modifica del vigente Accordo sui frontalieri. Il Protocollo disciplina durevolmente l’imposizione del telelavoro per i lavoratori frontalieri.

L’autorità inferiore ha effettuato una tassazione per apprezzamento ai fini dell’IVA in considerazione di vari acquisti di materiali e di prestazioni effettuati dalla ricorrente ma utilizzati per la ristrutturazione dell’abitazione privata dell’azionista di maggioranza. A causa della prescrizione assoluta intervenuta nel frattempo il ricorso è stato accolto per quanto riguarda il periodo fiscale 2013, mentre gli altri ricuperi d’imposta sono stati considerati legittimi. La ricorrente non è infatti stata in grado di dimostrare la manifesta inesattezza delle valutazioni effettuate dall’autorità inferiore.

(sentenza TAF n. A-4347/2022 del 26 aprile 2024)

Un contribuente che, acquistato un immobile, ha proceduto a lavori di rinnovo e lo ha poi venduto due anni dopo conseguendo un utile di rilievo, non ha diritto alla deduzione, nel calcolo dell’imposta sugli utili immobiliari, delle spese per opere che, esaminate analiticamente, costituiscono costi di manutenzione.

(Sentenza CDT n. 80.2022.266 dell’11 luglio 2023)

È controverso se l’utile derivante dalla rivalutazione contabile degli attivi fissi effettuata nell’ambito della trasformazione di una società in nome collettivo in una società anonima sia soggetto ad un’imposizione privilegiata ai sensi dell’art. 37b LIFD. Il Tribunale federale ha interpretato l’art. 37b LIFD affermando che il testo non contiene una definizione delle riserve occulte. Dal punto di vista dell’interpretazione teleologica, il Tribunale federale ha già avuto modo di precisare che l’art. 37b LIFD è stato introdotto con lo scopo di facilitare l’imposizione degli utili sulle riserve occulte al momento della cessazione dell’attività lucrativa indipendente. Deve esistere un legame causale tra la realizzazione delle riserve occulte e la liquidazione dell’attività lucrativa indipendente. Nel presente caso questo legame esiste, poiché la rivalutazione è stata effettuata nei due anni precedenti la cessazione dell’attività lucrativa indipendente al fine di trasformare la società in nome collettivo in una società anonima. Il ricorso dell’AFC è pertanto stato respinto.

(sentenza TF n. 9C_680/2022 del 24 aprile 2024)

Prossimi eventi

  • 18 giugno 2024
    • Webinar che tratterà temi legati ai lavoratori frontalieri titolari di una Sagl in Svizzera, assunti come lavoratori dipendenti della stessa: dal supporto al professionista e ad alla tesi difensiva, passando per la riqualificazione del
      reddito di amministratori all’eventuale rimborso dei ristorni.

  • 5 settembre 2024
    • Il Centro competenze tributarie e giuridiche della SUPSI organizza un incontro formativo volto ad analizzare le attuali sfide poste all’attenzione della Data Protection a fronte dei nuovi sviluppi internazionali in materia fiscale.

      Iscrizioni all'evento entro lunedì 2 settembre 2024.

      Prospetto del corso

  • 10 settembre 2024
  • 17 settembre 2024
    • Workshop pratico e interattivo inerente alla compilazione della modulistica necessaria relativa alla procedura di rimborso e riscossione dell'imposta preventiva, a livello nazionale e internazionale.

      Iscrizioni all'evento entro venerdì 13 settembre 2024.

      Prospetto del corso

  • 26 settembre 2024
    • Il CCTG SUPSI, in collaborazione con Alma Impact AG, propone un pomeriggio di studio durante il quale verrà proposto un approfondimento sulla revoca del mandato, sui diritti informativi, sulla delega della gestione operativa e sulla gestione dei conflitti di interesse.

      Iscrizioni all'evento entro martedì 24 settembre 2024.

      Prospetto del corso

  • 1 ottobre 2024
    • Il CCTG e l’IDUSI, in collaborazione con l’Ordine degli avvocati del Canton Ticino (OATI), organizzano una serata denominata “Diritto&Bacco” che unisce momenti di formazione giuridica e la passione del buon vino, offrendo un contesto per discutere su tematiche legali di stretta attualità.


      Iscrizioni all'evento entro venerdì 27 settembre 2024.

      Prospetto del corso.

  • 18 novembre 2024
    • Il CCTG SUPSI, in collaborazione con l'Istituto di formazione delle professioni fiduciarie, ripropone il ricorrente incontro con i funzionari dell’AFC su tematiche di attualità in ambito fiscale.

      Iscrizioni all'evento entro giovedì 14 novembre 2024.

      Prospetto del corso.

Webinar

  • 18 giugno 2024
    • Webinar che tratterà temi legati ai lavoratori frontalieri titolari di una Sagl in Svizzera, assunti come lavoratori dipendenti della stessa: dal supporto al professionista e ad alla tesi difensiva, passando per la riqualificazione del
      reddito di amministratori all’eventuale rimborso dei ristorni.

  • 10 settembre 2024
  • 26 settembre 2024
    • Il CCTG SUPSI, in collaborazione con Alma Impact AG, propone un pomeriggio di studio durante il quale verrà proposto un approfondimento sulla revoca del mandato, sui diritti informativi, sulla delega della gestione operativa e sulla gestione dei conflitti di interesse.

      Iscrizioni all'evento entro martedì 24 settembre 2024.

      Prospetto del corso

Eventi e convegni

  • 5 settembre 2024
    • Il Centro competenze tributarie e giuridiche della SUPSI organizza un incontro formativo volto ad analizzare le attuali sfide poste all’attenzione della Data Protection a fronte dei nuovi sviluppi internazionali in materia fiscale.

      Iscrizioni all'evento entro lunedì 2 settembre 2024.

      Prospetto del corso

  • 1 ottobre 2024
    • Il CCTG e l’IDUSI, in collaborazione con l’Ordine degli avvocati del Canton Ticino (OATI), organizzano una serata denominata “Diritto&Bacco” che unisce momenti di formazione giuridica e la passione del buon vino, offrendo un contesto per discutere su tematiche legali di stretta attualità.


      Iscrizioni all'evento entro venerdì 27 settembre 2024.

      Prospetto del corso.

  • 18 novembre 2024
    • Il CCTG SUPSI, in collaborazione con l'Istituto di formazione delle professioni fiduciarie, ripropone il ricorrente incontro con i funzionari dell’AFC su tematiche di attualità in ambito fiscale.

      Iscrizioni all'evento entro giovedì 14 novembre 2024.

      Prospetto del corso.

Workshop

  • 17 settembre 2024
    • Workshop pratico e interattivo inerente alla compilazione della modulistica necessaria relativa alla procedura di rimborso e riscossione dell'imposta preventiva, a livello nazionale e internazionale.

      Iscrizioni all'evento entro venerdì 13 settembre 2024.

      Prospetto del corso


Partners