SUPSI L'università dell'esperienza
2023/7/Diritto tributario svizzero/La responsabilità solidale del rappresentante del contribuente
Marco Bernasconi, Donatella Negrini (2023) La responsabilità solidale del rappresentante del contribuente. Novità fiscali (7) pp. 400-403 ISSN 2235-4573
Diritto tributario svizzero
07/2023

La responsabilità solidale del rappresentante del contribuente

In caso di tentativo di sottrazione d’imposta, non è ammissibile la chiamata in solido del partecipante

Marco Bernasconi
Marco Bernasconi

PhD, Professore SUPSI

Donatella Negrini
Donatella Negrini

MAS SUPSI in Tax Law,
Dott.ssa in Scienze giuridiche

I partecipanti ad una sottrazione d’imposta, che intenzionalmente istigano, aiutano, o sono complici del contribuente vengono puniti, a norma degli artt. 177 LIFD e 260 LT, con una multa sino a fr. 10’000 al massimo, che può essere aumentata in casi gravi o di recidiva sino a fr. 50’000 al massimo. In primo luogo, ci si deve chiedere se l’applicabilità di queste disposizioni può essere estesa anche al tentativo di sottrazione. La risposta è affermativa secondo l’AFC, la dottrina e la giurisprudenza del Tribunale federale. Tuttavia, questa interpretazione estensiva può essere messa in dubbio in base ai principi della certezza del diritto e della parità di trattamento, con riferimento alla misura delle sanzioni, che dovrebbero prevedere penalità diverse in caso di sottrazione o tentativo. Queste disposizioni, oltre alle penalità, stabiliscono che, indipendentemente dalla punibilità del contribuente, il partecipante può essere “tenuto solidalmente responsabile” per il pagamento dell’imposta sottratta. In caso di tentativo di sottrazione, tuttavia, la chiamata in solido del partecipante dovrebbe, a nostro modo di vedere, essere esclusa.

Condividi sui tuoi social: