2022/N°5/Diritto tributario internazionale e dell'UE/Per l’impatriato dalla Svizzera accesso al regime con verifica della residenza italiana
Elio Andrea Palmitessa (2022) Per l’impatriato dalla Svizzera accesso al regime con verifica della residenza italiana. Novità fiscali (5) . pp. 276-280 ISSN 2235-4573

Diritto tributario internazionale e dell'UE

05/2022

Per l’impatriato dalla Svizzera accesso al regime con verifica della residenza italiana

Secondo l’Agenzia delle Entrate, il trasferimento della residenza in Italia nel contesto delle agevolazioni previste dal “regime speciale per lavoratori impatriati” deve essere accertato unicamente con riguardo alla norma interna

Elio Andrea  Palmitessa
Elio Andrea Palmitessa

Dottore Commercialista
Partner, BDC Associati, Milano

Con risposta ad Interpello n. 3/2022, l’Agenzia delle Entrate si è pronunciata su uno dei requisiti di accesso alla norma destinata ai lavoratori impatriati (art. 16 D.Lgs. n. 147/2015), ritenendo che la valutazione sul trasferimento della “residenza nel territorio dello Stato” debba avvenire con esclusivo riferimento all’art 2 TUIR, posto che la disposizione agevolativa è qualificata di stretta interpretazione. Conseguentemente, nel caso in esame, non potrebbe giungere in soccorso del contribuente il meccanismo di frazionamento del periodo d’imposta (cd. “split year”) previsto dall’art. 4 par. 4 CDI CH-ITA.

Questo sito utilizza cookies di terze parti per l’analisi dei dati e per offrire la miglior esperienza di navigazione possibile.
Se vuoi saperne di più clicca qui. Cliccando sul pulsante accetto o scorrendo questa pagina, accetti i termini della nostra privacy policy.

Accetto