2022/N°4/IVA e imposte indirette/“Quick fixes”: novità in materia IVA negli scambi intracomunitari e figura del rappresentante fiscale
Mattia Fenu (2022) “Quick fixes”: novità in materia IVA negli scambi intracomunitari e figura del rappresentante fiscale. Novità fiscali (4) . pp. 235-245 ISSN 2235-4573

IVA e imposte indirette

04/2022

“Quick fixes”: novità in materia IVA negli scambi intracomunitari e figura del rappresentante fiscale

La Commissione europea nel 2016 ha lanciato un piano per trasformare il sistema attuale IVA, caratterizzato dalla provvisorietà, in un “regime definitivo”, che dovrebbe entrare in vigore a partire dal 1° luglio 2022

Mattia Fenu
Mattia Fenu

MAS in Tax Law,
Socio Belrevicom,
Società di fiduciaria e
di revisione Sagl, Mendrisio

Per poter attuare il piano lanciato dalla Commissione europea nel 2016 volto a sostituire l’attuale sistema con un “regime definitivo” si sono rese necessarie delle soluzioni rapide, definite “quick fixes”. Lo scopo di queste azioni è quello di migliorare il sistema attualmente vigente attraverso la semplificazione di alcune operazioni (l’identificativo IVA UE, gli elenchi riepilogativi nell’ambito dell’esenzione delle cessioni intra-UE, la prova delle cessioni intra-unionali ai fini dell’esenzione, le operazioni denominate call of stock e le vendite a catena). Vi è, inoltre, la volontà attraverso le stesse di evitare fenomeni di doppia imposizione o salti d’imposizione, con il chiaro obiettivo di arginare, se non prevenire “a monte” possibili condotte tributarie evasive o, in ogni caso, fraudolente.

Questo sito utilizza cookies di terze parti per l’analisi dei dati e per offrire la miglior esperienza di navigazione possibile.
Se vuoi saperne di più clicca qui. Cliccando sul pulsante accetto o scorrendo questa pagina, accetti i termini della nostra privacy policy.

Accetto