2022/N°12/Diritto finanziario/Autorizzazioni FINMA per gestori patrimoniali
Fiorenza Soldini Häusler (2022) Autorizzazioni FINMA per gestori patrimoniali. Novità fiscali (12) . pp. 618-624 ISSN 2235-4573

Diritto finanziario

12/2022

Autorizzazioni FINMA per gestori patrimoniali

Esperienze pratiche

Fiorenza Soldini Häusler
Fiorenza Soldini Häusler

Lic. iur.
CAS in Compliance Management UNIGE
CAS in Risk Management ZHAW
Senior Compliance Officer PLURIAUDIT SA, Lugano

Disclaimer

Per quello che riguarda le aspettative della FINMA si premette che si tratta di un’interpretazione personale in seguito ad una raccolta di esperienze pratiche, non si tratta infatti di dichiarazioni ufficiali della FINMA.

Con l’introduzione della LSerFi, della LIsFi e delle loro relative ordinanze, per la maggior parte dei gestori patrimoniali è iniziata la riorganizzazione aziendale volta all’ottenimento dell’autorizzazione da parte della FINMA, condizione essenziale per poter esercitare l’attività di gestore patrimoniale. Ad oggi l’implementazione della conformità LSerFi è già storia recente, per alcuni vi è ancora l’ultimo sprint finale, l’implementazione della LIsFi entro il 31 dicembre 2022, data ultima per la sottomissione a FINMA della richiesta d’approvazione [2]. Autorizzazione che, come scrive la FINMA, costituisce un “marchio di qualità”[2].

Indice

  1. I. Introduzione
  2. II. Il quadro normativo
  3. III. Le aspettative degli organismi di vigilanza e della FINMA
  4. A. Il ricorso a banche depositarie estere
  5. B. Determinata struttura della clientela estera eterogenea o struttura della clientela focalizzata su una determinata regione estera
  6. 1. Caso A
  7. 2. Caso B
  8. C. La remunerazione di terzi (retrocessioni, ecc.)
  9. IV. Le sfide future
  10. V. Conclusioni
I. Introduzione

Il presente articolo non ha lo scopo di analizzare da un punto di vista giuridico la situazione autorizzativa dei gestori patrimoniali, ma di elencare le richieste e le aspettative dell’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA) riguardo ai criteri organizzativi di un gestore patrimoniale al fine dell’ottenimento dell’autorizzazione.

Si ricorda in merito l’importanza della categoria professionale dei gestori patrimoniali, che questa rappresenta un sesto degli attivi depositati in Svizzera e dal rilevamento FINMA richiesto giusta l’art. 74 cpv. 2 della Legge federale sugli istituti finanziari (LIsFi; RS 954.1) circa 2’500 gestori hanno comunicato di volere presentare una richiesta di autorizzazione[1].

Questo sito utilizza cookies di terze parti per l’analisi dei dati e per offrire la miglior esperienza di navigazione possibile.
Se vuoi saperne di più clicca qui. Cliccando sul pulsante accetto o scorrendo questa pagina, accetti i termini della nostra privacy policy.

Accetto