2021/N°12/Diritto tributario italiano/Inquadramento normativo e questioni aperte sul “regime speciale per lavoratori impatriati”
Elio Andrea Palmitessa, Paolo Ronca (2021) Inquadramento normativo e questioni aperte sul “regime speciale per lavoratori impatriati”. Novità fiscali (12) . pp. 659 ISSN 2235-4573

Diritto tributario italiano

12/2021

Inquadramento normativo e questioni aperte sul “regime speciale per lavoratori impatriati”

Da valutare la portata delle novità introdotte con la Legge di bilancio 2021 ed i chiarimenti forniti con la Circolare n. 33/E, del 28 dicembre 2020

Elio Andrea  Palmitessa
Elio Andrea Palmitessa

Dottore Commercialista
Senior Associate, BDC Associati, Milano

Paolo Ronca
Paolo Ronca

Dottore commercialista
Senior Associate, BonelliErede, Milano

Al fine di attrarre in Italia capitale umano per agevolare l’internazionalizzazione delle imprese che operano nel nostro Paese, è stata introdotta nel 2015 una disposizione fiscale di favore destinata ai lavoratori cd. “impatriati”. La norma, pensata originariamente per incentivare il trasferimento in Italia di soggetti che “rivestono ruoli direttivi ovvero sono in possesso di requisiti di alta qualificazione o specializzazione e siano in possesso del titolo di laurea” (Relazione Illustrativa di accompagnamento allo schema di D.Lgs. n. 147/2015) è stata tuttavia oggetto, in un breve arco temporale, di alcuni interventi che ne hanno “stravolto” lo spirito originario, cosicché la misura si rappresenta oggi come un provvedimento di carattere molto ampio, ma non per questo scevro da dubbi e contrasti interpretativi.

Questo sito utilizza cookies di terze parti per l’analisi dei dati e per offrire la miglior esperienza di navigazione possibile.
Se vuoi saperne di più clicca qui. Cliccando sul pulsante accetto o scorrendo questa pagina, accetti i termini della nostra privacy policy.

Accetto